Cromo
< torna alla lista

23/11/2020

DECRETO RISTORI TER IN VIGORE DAL 24 NOVEMBRE: I NEGOZI DI CALZATURE AMMESSI NELL'ELENCO DELLE ATTIVITA' IN ZONA ROSSA DA INDENNIZZARE

Sulla Gazzetta Ufficiale  n. 291 del 23 novembre 2020 è stato pubblicato il Decreto Legge 23 novembre 2020, n. 154 (cd decreto Ristori ter), recante “Misure finanziarie urgenti connesse all'emergenza epidemiologica da COVID-19”.

Il provvedimento, entrato in vigore il 24 novembre 2020, recepisce le istanze di Federazione Moda Italia - Confcommercio, prevedendo in particolare all'art. 2 l'integrazione dell'allegato 2 del decreto-legge n. 149/2020 (decreto ristori bis) con l'inserimento del codice Ateco 47.72.10 relativo a "Commercio al dettaglio di calzature e accessori", inizialmente escluso.

I negozi di calzature con domicilio fiscale o sede operativa nelle "Zone Rosse"  potranno accedere alle seguenti misure: 

  1. contributo a fondo perduto (del 200 per cento rispetto a quanto ottenuto a maggio);
  2. credito d'imposta per i canoni di locazione degli immobili a uso non abitativo e affitto d'azienda, per i mesi di ottobre, novembre e dicembre;
  3. cancellazione della seconda rata IMU, a condizione che i relativi proprietari siano anche gestori delle attività ivi esercitate;
  4. proroga al 30 aprile 2021 del termine di versamento del secondo acconto delle imposte sui redditi e dell'IRAP per i soggetti che applicano gli indici sintetici di affidabilità fiscale;
  5. sospensione dei versamenti tributari in scadenza nel mese di novembre  (ritenute alla fonte, addizionale regionale e comunale all'IRPEF che le aziende operano in qualità di sostituti d'imposta; IVA). I versamenti sospesi sono effettuati, senza applicazione di sanzioni e interessi, in un'unica soluzione entro il 16 marzo 2021 o mediante rateizzazione fino a un massimo di quattro rate mensili di pari importo, con il versamento della prima rata entro il 16 marzo 2021;
  6. sospensione dei versamenti dei contributi previdenziali e assistenziali nel mese di novembre; i versamenti sospesi sono effettuati, senza applicazione di sanzioni e interessi, in un'unica soluzione entro il 16 marzo 2021 o mediante rateizzazione fino a un massimo di quattro rate mensili di pari importo, con il versamento della prima rata entro il 16 marzo 2021.

 

Federazione Moda Italia-Confcommercio esprime soddisfazione per l'accoglimento da parte del Consiglio dei Ministri delle richieste della nostra Organizzazione, approvando l'integrazione, con il Codice ateco 47.72.10 "Commercio al dettaglio di CALZATURE e ACCESSORI", dell'allegato 2 del decreto-legge 9 novembre 2020, n. 149. 

Al governo chiediamo ora di indennizzare anche i negozi di camicie e maglierie (Codice ateco 47.71.30) che, pur essendo chiusi, inspiegabilmente non rientrano ancora tra i beneficiari delle misure.

Per approfondimenti: http://federazionemodaitalia.com/it/iniziative/eventi/dd_58_4746/decreto-ristori-ter-i-negozi-di-calzature-tra-i-beneficiari-del-contributo-a-fondo-perduto