Cromo
< torna alla lista
FEDERAZIONE MODA ITALIA

27/07/2017

FEDERAZIONE MODA ITALIA: ASSEMBLEA NAZIONALE APPROVA A ROMA IL BILANCIO E LA CONFLUENZA DI FEDERCALZATURE NELLA NUOVA FEDERAZIONE DI SETTORE DELLA MODA

Il 27 luglio si è svolta a Roma nella sede della Confcommercio Imprese per l'Italia, in Piazza Belli 2,  l'Assemblea Ordinaria di Federazione Moda Italia. Il Presidente Renato Borghi ha aperto i lavori ringraziando i delegati per la presenza e ricordando che nella prossima stagione autunnale si terrà l'assemblea elettiva della Federazione. Nella sua relazione, il Presidente Borghi, dopo aver analizzato il contesto nazionale e internazionale in cui ci si trova ad operare, ha evidenziato la chiusura di 34mila punti vendita del settore moda negli ultimi 5 anni, a fronte di 17mila nuove aperture, gran parte delle quali a conduzione straniera, un rapporto - come riportato nel Fashion & High Street Report di Federazione Moda Italia - di una nuova apertura contro due chiusure. In pratica, negli ultimi cinque anni, sono spariti dalle nostre città 18 negozi al giorno, a fronte appunto di 9 nuove aperture. Il Presidente Borghi ha poi espresso alcune considerazioni a commento dei principali dati economici, a partire dalla revisione al rialzo di Banca d'Italia delle stime per la crescita del Pil nel 2017, +1,4% contro il precedente 0,9% di gennaio, con la previsione di un aumento dell'1,3 nel 2018 e dell'1,2 nel 2019; il debito pubblico, aumentato sino a raggiungere il record storico di 2.278,9 miliardi di euro a maggio; il tasso di occupazione, attestatosi al 57,7%, in diminuzione di 0,1 punti percentuali; il tasso di disoccupazione, salito nel maggio 2017 all'11,3% con un incremento di 0,2 punti percentuali; il tasso di disoccupazione giovanile al 37%, a maggio 2017, in aumento dell'1,8% rispetto ad aprile 2017. La fiducia dei consumatori è peró aumentata di un punto percentuale mentre quello delle imprese sale complessivamente di 0,2 punti e in particolare sale di 0,4 punti nel settore manifatturiero e di 1,7 punti nelle costruzioni; nei servizi, il valore dell'indice cresce di 0,4 punti, mentre nel settore del commercio al dettaglio l'indice diminuisce di 2,2 punti. Sono stati affrontati due eccessi di tassazione e di burocrazia che incidono fortemente sullo sviluppo delle imprese ed è stato approfondito in proposito lo strumento di occupazione temporanea che ha sostituito i voucher. Uno strumento ancora non rispondente alle attese, troppo macchinoso, burocratico e approssimativo. Il Presidente Borghi ha poi effettuato una fotografia dell'andamento del mercato Moda, riportando anche i dati dell'Osservatorio Acquisti CartaSi, dai quali si evince che il 2016 si è chiuso con un leggerissimo incremento dello 0,4% degli acquisti degli italiani con carta di credito nei nostri negozi. Nei primi 5 mesi del 2017, abbiamo assistito ancora ad un andamento altalenante degli acquisti nel dettaglio moda: gennaio - 0,5%; febbraio + 2,7%; marzo + 6,0%; aprile - 2,5%; maggio + 1,4%. Global Blue evidenzia, in questo contesto, come il tax free shopping degli stranieri extra UE sia in calo nel 2016 dell'8% in vendite ed in valore nel settore moda. Va, però segnalato, che nei primi 5 mesi del 2017 Global Blue ha riscontrato un incremento medio del 6% degli acquisti degli stranieri extra UE in vendite e valore con i cinesi che restano al top della classifica dei clienti maggiormente attratti dallo shopping made in Italy dei nostri negozi. Il Presidente Borghi ha poi passato in rassegna l'attività sindacale e di servizio condotta da Federazione Moda Italia, a cominciare dalle rilevazioni sull'andamento dei saldi che hanno evidenziato un leggero incremento del 3% all'avvio per poi stabilizzarsi. Federazione Moda Italia ha poi segnalato alla UE il forte disappunto nei confronti delle clausole contrattuali imposte dai fornitori di prodotti di moda che impediscono ai piccoli esercenti di vendere i prodotti di stagione al di fuori delle mura del negozio ed anche on line, anche in occasione dell'indagine della Commissione UE riservata alle piattaforme di vendita on-line ed alle imprese che ne utilizzano i servizi per approfondire ed analizzare le relazioni B2B che si vengono a creare con i nuovi canali di e-commerce. Su richiesta del Consiglio Nazionale Federazione Moda Italia ha attenzionato la Confcommercio ed il Presidente Sangalli sulla necessità di prevedere una web tax, in quanto il commercio elettronico crea sicuramente un fenomeno di concorrenza sleale, che viene confermata dalla stima dell'erosione della base imponibile nazionale superiore ai 30 miliardi di euro e da un mancato gettito per le casse dello Stato che va dai 4 ai 5 miliardi l'anno.  É stata poi riportata l'attività sull'etichettatura dei prodotti tessili e delle calzature che ha assunto grande rilevanza a seguito dell'approvazione lo scorso 28 giugno 2017, da parte del Consiglio dei ministri, in esame preliminare, su proposta del Presidente Paolo Gentiloni e del Ministro della giustizia Andrea Orlando, del decreto legislativo che, in attuazione della “legge di delegazione europea 2014” (legge 9 luglio 2015, n. 114), introduce nell'ordinamento nazionale una nuova disciplina sanzionatoria per la violazione delle disposizioni di cui alla direttiva 94/11/CE, concernente l'etichettatura dei materiali usati nelle principali componenti delle calzature destinate alla vendita al consumatore, e al regolamento (UE) n. 1007/2011, relativo alle denominazioni delle fibre tessili e all'etichettatura e al contrassegno della composizione fibrosa dei prodotti tessili. Sono state poi ricordate le importanti presenze con proprio stand di Federazione Moda Italia a febbraio al MIPEL, fiera internazionale della pelletteria e dell'accessorio moda e a “THE ONE MILANO”, salone del prêt-à-porter e della pellicceria; a giugno al PITTI, con il consueto desk, grazie alla Confcommercio di Firenze; dall'11 al 13 luglio ad ORIGIN, il Salone della Manifattura Italiana del comparto MODA e ACCESSORIO, promosso da Italian Exhibition Group, svoltosi a Milano, presso Fiera di Milano – Rho, nell'ambito di MILANO UNICA. Federazione Moda Italia sarà ancora a settembre al MIPEL (dal 17-20 Settembre 2017) e a The One Milano (dal 22-25 Settembre 2017). Sono state riportate le attività ed i successi sui territori come le sfilate perfettamente organizzate a Asti (3 settembre) e Reggio Calabria(20 aprile); gli eventi contro la contraffazione: Cortina – Vogue fashion's night out a Milano; l'attività formativa direttamente svolta a Vicenza, Perugia, Cosenza, Crotone, Catanzaro, Busto Arsizio, Arezzo e con i partner di VETRINE&vetrine a Belluno, Feltre, Siracusa e Milano e AGF GROUP a Siena, Poggibonsi, Pisa – Vercelli. L'attenzione è poi rivolta ai workshop su “IL NEGOZIO DI MODA NELL'ERA DIGITALE: Torino, Perugia, Milano, Bologna con Andrea Granelli di KANSO e Luca Grampioggia di Banca Sella per la presentazione di Hype for Business; sul TAX FREE a Milano; sull'ETICHETTATURA a Milano, Firenze in occasione della manifestazione fieristica Mare d'Amare, Bolzano, Ancona e Civitanova Marche. Vengono ricordate le collaborazioni su “DIRITTI ALLA MODA con ALTROCONSUMO” con gli incontri di Roma, Bolzano, Palermo e Lecce su etichettatura e contraffazione e gli incontri con le scuole a Gallarate e a Voghera su etichettatura, made in Italy e lotta ad abusivismo e contraffazione. Ci si è poi soffermati sulla realizzazione a Chieti, grazie all'attivismo della collega Presidente di Chieti, Marisa Tiberio, del Progetto di Federazione Moda Italia “AFFITTI ri-NEGOZIati”. Un Progetto che presenta vantaggi per tutti i soggetti interessati ed interessabili (imprenditori del settore moda, proprietari immobiliari, Comuni). È stato poi presentato il progetto iNovaRetail Small che rappresenta una soluzione innovativa per i piccoli negozi di moda perché studiata e realizzata “su misura”, grazie alla collaborazione tra Federazione Moda Italia, l'azienda di servizi Disignum srl con i suoi Partner tra cui il Politecnico di Milano e il negozio di abbigliamento e calzature associato a Milano, Bottazzo sas, che si è reso disponibile a testare e a sperimentare nel proprio punto vendita un progetto di innovazione. Un progetto democratico in quanto si pone l'obiettivo di portare la tecnologia – oggi, per motivi di costi e di organizzazione aziendale, quasi ad esclusivo appannaggio dei grandi brand e catene – anche nei piccoli negozi per promuovere la coesistenza di strategie offline e online all'interno del punto vendita, attraverso un'innovazione sia tecnologica sia di processo e iniziative orientate al cliente. Un'iniziativa della Federazione che è stato oggetto di attenzioni anche della stampa specializzata con Pambianco, Linea Intima e Intimo Retail e del quotidiano Corriere della Sera (articolo del 18 luglio ripreso da un'editoriale del 19 luglio). Infine sono stati sinteticamente illustrati i nuovi progetti di orientamento ed accompagnamento al Sistema Moda e al Mercato dei giovani stilisti con CNA Federmoda e Federazione Moda Italia, TheOneMilano e della classificazione dei negozi del settore moda secondo la norma uni 11566-2:2017 con profilazione e rating dell'impresa. La relazione si è conclusa con la rappresentazione delle opportunità in termini di risparmio sulle commissioni sul transato POS con la CONVENZIONE CON BANCA SELLA. Si è passati alla presentazione della nuova convenzione con ATLANTIS s.r.l. che offre agli Associati di Federazione Moda Italia - Confcommercio di tutta Italia la possibilità di ottenere prezzi vantaggiosi sui seguenti servizi di qualità: etichettatura; confezionamento a mano con personale altamente qualificato; ricamo e stampa per abbigliamento e gadget in laboratori specializzati su tessile e materiali diversi. Infine si sono approfonditi i contenuti della nuova convenzione con Locauto con 15% di sconto per noleggio auto e furgoni e l'iniziativa della distribuzione di un  nuovo magazine free press, URBAN KIDS, con una tiratura trimestrale di 35.000 copie (4 numeri l'anno: gennaio, marzo, giugno e settembre) affiancato da uno sviluppo digitale, grazie alla quale i Soci potranno ospitare un corner dedicato alla diffusione del magazine free press in cambio di una visibilità sia sulla testata cartacea sia sulle sue appendici digitali. Terminata la relazione, l'Assemblea, dopo approfondita discussione, ha approvato all'unanimità la Confluenza di Federcalzature in Federazione Moda Italia, dando così avvio alla nuova Federazione di Settore “Federazione Moda Italia”. Nel corso dell'Assemblea, che ha anche approvato all'unanimità il rendiconto consuntivo 2016 e previsionale 2017, sono state anche illustrate al Coordinatore del Gruppo Giovani Imprenditori di Federazione Moda Italia, Riccardo Savella, le Progettualità seguite dal Gruppo Giovani di Federazione Moda Italia Delegato dche aggiorna l'Assemblea dell'attività condotta sulla formazione di imprenditori e addetti e l'innovazione con i progetti E-bay e EDI, portata avanti unitamente a Riccardo Capitanio, Delegato di Padova. Si tra organizzando un incontro con un broker assicurativo in merito alle garanzie sulle forniture in modo da uscire dalla spirale dei pagamenti con titoli/assegni. Infine si sta approfondendo la questione della web tax tenendo conto degli aspetti legali e tributaristici che impongono una grande scrupolosità sulla trattazione del tema.